10 luglio 2014

#scheletrinellarmadietto: quello che le ecobio-blogger non mostrano

Prima di tutto spiegatemi perché nel mio bagno c'è un solo armadietto, piccolo, e non un armadio a tutta parete.

E soprattutto spiegatemi perché devo dividerlo con mia madre, la regina del petrolatum.

Attenzione: le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità.


Il ripiano in basso non lo considera nessuno.


Su di esso sono pigramente appoggiati campioncini di prodotti da farmacia (di mia madre), una scatola di cotton fioc (non miei, io ho quelli biodegradabli), la spazzolina kiko che uso quando il clarisonic decide che è arrivato il momento di scaricarsi, senza preavviso, una confezione intonsa d liquido per lenti a contatto con contenitore.

Il secondo ripiano è.......................L A M O R T E.


Tutto appartiene alla regina del petrolatum di cui sopra: mia madre, detta Nivea.
Lei si crogiola nella sua beata ignoranza, vive felice, inquinando il pianeta.
Ma guai se per caso qualcuno osa buttare un frammento di carta nell'indifferenziato!
I prodotti non ve li descrivo.

Dulcis in fundo, il mio scaffale.
Su questo ripiano ho riposto solo i prodotti a risciacquo che più uso e all'occorrenza porto sotto la doccia (se li lasciassi nella doccia potrebbero fare un'orrenda fine: una volta qualcuno ha usato il mio shampoo La Saponaria, l'ha lasciato aperto sotto la doccia, poi è caduto e metà del contenuto della confezione è andato perduto) e quelli che uso per struccarmi.
Deodoranti, creme, sieri e make up sono nella mia camera, ordinati, lontano dalle grinfie di regina Nivea.


Nell'ordine abbiamo:

  • Shampoo all'amla Khadì
  • Struccante bifasico Biofficina Toscana (praticamente finito)
  • Gel detergente Viviverde Coop




E dietro:

  • Doccia gel alla rosa Lavera
  • Maschera per capelli Biofficina Toscana (oramai agli sgoccioli)
  • Spuma esfoliante Yves Rocher che uso sui piedi per finirla. Me l'hanno regalata e non voglio buttarla.
Con questo post, partecipo al contest Scheletri nell'armadietto, indetto da Il Giardino di Arianna.
Partecipate anche voi, senza vergogna! 

7 commenti

  1. MakeUp NonSolo10 luglio 2014 18:09

    ho partecipato e un po' mi vergogno...ammetto di essere in fase di transizione, non sono brava come te Shaina!

    RispondiElimina
  2. un'idea davvero simpatica, io sto un po' a metà tra il tuo e quello di tua mamma.... ma sto migliorando!!!!

    RispondiElimina
  3. certo, grazie! metto il link appena ho il tempo di scriverlo!

    RispondiElimina
  4. il secondo ripiano è davvero la morte... ahahahah.. mia mamma invece è la regina di Bottega Verde: copra costantemente quella robbaccia.. non c'è modo di farle cambiare idea.. e poi oltre ad usare senza ritegno tutto quello che trova in bagno, comprese le mie cose, ha il viziaccio maledetto di non chiudere mai le confezioni!!! ma la cosa bella è questa: usa la mia crema per pelli miste e poi mi fa "quella crema mi ha seccato la pelle... non mi piace..." ma va???? " certo che ti ha seccato la pelle, non è adatta per te.. ma perché non usi la tua?" dico io... la sua risposta?? "così... volevo provarla, mi piaceva il profumo..." mah??!! e srà che la mamma è sempre la mamma.. ahahah comunque bel post!!! :)

    RispondiElimina
  5. Grazie cara! Guarda quasi meglio Nivea che Bottega Verde, almeno non ha nessuna pretesa!

    RispondiElimina